Il Trattamento di Fine Mandato (TFM) è un’indennità spesso prevista nei contratti degli amministratori di società. Il suo scopo è quello di riconoscere il contributo dato alla gestione aziendale, ma la sua entità e congruità possono diventare oggetto di attenzione da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Congruità del TFM

La determinazione della congruità del TFM è fondamentale. Deve essere proporzionata al contributo effettivo dell’amministratore, tenendo conto della durata del mandato, dei risultati conseguiti, delle responsabilità assunte e delle prassi del settore. Un TFM eccessivamente elevato rispetto al compenso annuale potrebbe essere interpretato come una forma di remunerazione aggiuntiva, piuttosto che un riconoscimento delle prestazioni passate.

Rilievi dell’Agenzia delle Entrate

L’Agenzia delle Entrate può esaminare i casi in cui il TFM appare sproporzionato. Una discrepanza notevole tra il TFM e il compenso annuale potrebbe suscitare dubbi sulla sua natura. Questo comporterebbe diverse implicazioni fiscali, sia per la società che per l’amministratore, incluse potenziali sanzioni e maggiori oneri fiscali.

Prassi e Linee Guida

Per evitare contestazioni, è consigliabile seguire linee guida chiare e documentare accuratamente la determinazione del TFM. Le società dovrebbero considerare:

  • La coerenza con i compensi annui e con le politiche retributive aziendali.
  • La trasparenza nella definizione dei criteri di calcolo del TFM.
  • La documentazione che giustifichi la congruità dell’importo rispetto al contributo e alle prestazioni dell’amministratore.

Conclusioni

Il Trattamento di Fine Mandato è uno strumento importante per riconoscere il contributo degli amministratori, ma deve essere gestito con attenzione per evitare rilievi fiscali. Un equilibrio tra remunerazione adeguata e conformità fiscale è essenziale per salvaguardare gli interessi sia dell’amministratore sia della società.

Da Studio Clericuzio Srl Stp offriamo consulenza e supporto per orientarsi in queste complesse questioni fiscali, garantendo che il TFM sia determinato in modo congruo e in linea con le normative vigenti.

 

dott. Mario Clericuzio – Dottore Commercialista e Revisore Legale