Aprire una partita Iva è (quasi) un gioco da ragazzi, se si ha un buon Commercialista che ti aiuta.

Lo Studio Mario Clericuzio – Dottore Commercialista offre preventivi gratuiti e consulenza per l’apertura di ditte e società.

Qui sotto rispondiamo a qualche vostro dubbio, rimandando ad un incontro ogni ulteriore approfondimento…

Come fare per richiedere la partita Iva?
Il Commercialista deve effettuare una pratica telematica in Agenzia Entrate per la richiesta di attribuzione del numero di partita Iva.
Se il cliente è un professionista (ad esempio un disegnatore, un geometra, un avvocato, ecc.) non si deve iscrivere in Camera di Commercio ed è quindi sufficiente la pratica fatta in Agenzia Entrate.
Se il cliente è un artigiano o un commerciante, invece, il Commercialista effettua anche una pratica telematica in Camera di Commercio per l’iscrizione al Registro Imprese. La pratica in Camera di Commercio si chiama “ComUnica”.
Quanto tempo ci vuole per avere la partita Iva?
Si fa tutto in un giorno, tra la compilazione della modulistica, l’invio della pratica e la ricezione di quello che si chiama “Certificato di Attribuzione della Partita Iva”. Per l’iscrizione in Camera di Commercio, invece, ci vuole un po’ più tempo….diciamo un paio di giorni.
Si può iniziare subito l’attività?
In genere l’imprenditore o il professionista può iniziare subito l’attività, appena presa la Partita Iva ed essersi eventualmente iscritto in Camera di Commercio. In alcuni casi, però, è necessario fare ulteriori pratiche presso vari enti (Inail, SUAP, ASL, ecc.)….e quindi i tempi si allungano. Qualche esempio? I bar ed i ristoranti, le estetiste ed i parrucchieri, i commercianti al dettaglio (ovvero i negozi) sono attività che necessitano ulteriori pratiche prima di poter iniziare l’attività. Sono casi da valutare volta per volta.
E l’Inps?
Con l’iscrizione in Camera di Commercio o comunque con l’apertura della partita Iva, nella maggior parte dei casi, si è tenuti anche versare i contributi Inps per la pensione. Anche qui, il Commercialista deve valutare caso per caso e spiegarvi se e in che modo versare i contributi all’Inps.
Quanto costa aprire una partita Iva?
Il costo di apertura della partita Iva e delle relative pratiche è variabile, perché dipende dal tipo di attività svolta e, quindi, dalle pratiche che devono essere fatte. Possiamo comunque dare un’indicazione generica e dire che il costo è di poche centinaia di euro per l’onorario del Commercialista, l’eventuale pratica SUAP, i bolli, i diritti e le spese di segreteria.
E se voglio costituire una società?
Per l’apertura di una società è generalmente necessario un atto notarile; il mio Studio si occupa anche di effettuare consulenza societaria per i propri clienti e potrò spiegarti meglio come fare per aprire la tua società e quale soggetto giuridico scegliere.

Vuoi avere un preventivo personalizzato? Desideri maggiori informazioni? Possiamo scriverci e incontrarci per risolvere ogni tuo dubbio.
Telefonami al n. 0175 21.89.91, vieni a trovarmi a Saluzzo (Cn) in via Deportati Ebrei n. 4 o scrivimi un messaggio qui sotto….

ATTENZIONE: SE MI SCRIVI, RICORDA DI INSERIRE UNA TUA E-MAIL E UN NUMERO DI TELEFONO A CUI POTERTI RISPONDERE